[[[["field17","contains","1"]],[["show_fields","field38"]],"and"],[[["field17","contains","2"]],[["show_fields","field38,field41"]],"and"],[[["field17","contains","3"]],[["show_fields","field38,field41,field40"]],"and"],[[["field17","contains","4"]],[["show_fields","field38,field41,field40,field39"]],"and"],[[["field24","contains","Voglio ricevere promozioni esclusive"]],[["set_value",null,"1",null,"field52"]],"and"]]
1 Step 1

Se la tua famiglia è composta da 6 o più persone ti invitiamo a scriverci una email a info@gattarella.it con tutte le informazioni necessarie. Ti chiediamo di inserire anche un numero di telefono per poterti ricontattare e proporti la migliore soluzione per la tua vacanza. 

keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder

Nutriamo una grande passione per il World Pasta Day

gattarella-resort-world-pasta-day-puglia

Dal 1998 viene celebrata ogni anno la festa della pasta nella giornata del 25 ottobre: un evento dedicato alle straordinarie caratteristiche di questo alimento gustoso e sano.

La Puglia partecipa in prima fila a questa festa con la bontà e la genuinità della sua pasta, proposta in diverse interpretazioni a seconda della zona e della relativa tradizione.

Grazie alla grande produzione cerealicola regionale, le paste si colorano dell’oro del frumento e dei toni più scuri dell’orzo, farro e grano arso, assumendo consistenze e aromi singolari. A questa ricchezza naturale si aggiunge la fantasia dei formati preparati ancora a mano: le famose orecchiette, i cavatelli, le fainelle, gli anelletti, la tria, i troccoli…

Le orecchiette, la pasta pugliese per antomasia, sono tipiche della zona di Bari e pare si siano diffuse fra il XII e il XIII secolo, la loro inconfondibile forma tonda concava è perfetta per accogliere i sughi più ricchi.

I cavatelli, una pasta di semola di grano duro e acqua dalla caratteristica forma allungata, risalgono al regno di Federico II e sono fatti a mano “incavando” (come si dice in dialetto locale) con la pressione dell’indice e del medio.

Gli anelletti, di solito preparati in brodo, prendono il nome dai cerchietti a campanella che le donne portavano alle orecchie nei giorni di festa e sono chiamate anche taraddhuzzi (Lecce) o cerchionetti (Ruvo di Puglia).

Le fainelle, una delle paste più popolari del foggiano, dalla forma simile a quella della carruba (chiamata, appunto, “fainella” in dialetto locale), viene fatta con un coltello senza manico dalla punta arrotondata col quale si tirano dei pezzetti di impasto fino a ottenere la tipica forma allungata e incurvata.

I troccoli, che si trovano soprattutto nella zona di Foggia e ricordano dei tagliolini rustici, è una pasta che viene realizzata con uno strumento in legno chiamato torcolo o troccolo.

Questo formato di pasta è quello utilizzato nella ricetta che abbiamo scelto per festeggiare il World Pasta Day, una ricetta che unisce terra e mare per ricordarvi il profumo delle vacanze al Gattarella Resort.

Ricetta troccoli allo scoglio

Ingredienti (per 4 persone):

320 g di troccoli freschi
250 g di vongole veraci
250 g di fasolari
500 g di cozze
4 scampi del Mediterraneo
12 gamberoni
4 calamari piccoli
4 seppie piccole
500 g di pomodori datterini
2 spicchi d’aglio
1 mazzetto di prezzemolo fresco
Olio extravergine di oliva q.b.
Sale q.b.

Preparazione

Le vongole e i fasolari si mettono a mollo in acqua fresca, con un pugno di sale grosso, per 2 ore.

Intanto si puliscono le cozze, spazzolandole bene con una paglietta di acciaio nuova e strappando il bisso, cioè la barbetta che fuoriesce. Si passa ai calamari: se non si utilizzano già puliti, bisogna eliminare la testa e le interiora, togliendo poi la pelle e tagliando il corpo a listarelle. Fare la stessa cosa con le seppioline. Dopo di ciò, sgusciare i gamberi, eliminando il filamento nero e mettendoli da parte. Incidere la pancia degli scampi, lasciandoli interi.

Sciacquare le vongole e i fasolari sotto l’acqua corrente e metterli in una padella alta insieme alle cozze. Coprire con il coperchio e farli aprire a fuoco basso, ci vorranno 3-4 minuti. Togliere dal fuoco e lasciarli intiepidire. Sgusciare quasi tutte le conchiglie, lasciandone qualcuna con il mollusco per guarnire il piatto, e metterle in una ciotola. Filtrare il liquido di cottura e tenerlo al caldo.

Rosolare l’aglio in una padella ampia, dove si dovrà poi mantecare la pasta, con due cucchiai di olio extravergine di oliva, aggiungendo i pomodorini lavati e tagliati a metà, i calamari e le seppie con due cucchiai di acqua di cottura delle conchiglie.

Nel frattempo cuocere la pasta, dopo avere assaggiato l’acqua di cottura delle conchiglie e in base a ciò aver regolato il sale dell’acqua della pasta (è probabile che non occorra aggiungerne).

Scolare la pasta prima della cottura al dente e versatela nella padella, aggiungendo i gamberi e gli scampi, e dosando l’acqua di cottura delle conchiglie. Terminare la cottura, in modo che la pasta assorba tutti i liquidi. Per ultimo aggiungere i frutti di mare con guscio e senza, spegnere il fuoco e mescolare delicatamente. Insaporire con il prezzemolo tritato e servire il piatto ben caldo guarnendolo con un giro di olio extravergine a crudo.

Buon appetito!

gattarella-resort-pasta-day